Il V-Day c’è – L’avanzata del Movimento 5 stelle

logo movimento 5 stelleAl telegiornale, in occasione del quinto anniversario del primo V-Day dell’8 settembre 2007, dicevano che nelle piazze non c’era nessuno, pochi “grillini” ricordavano i 5 anni dal V-Day organizzato da Grillo e i ragazzi del meetup, gli stessi telegiornali che non parlavano e non parlano delle migliaia di cittadini che accorsero in piazza per firmare a favore della proposta di legge di iniziativa popolare e che portò allo straordinario risultato delle 350.000 firme raccolte. Il V-Day non è solo uno sfogo simbolico, ma soprattutto un atto concreto di democrazia diretta. All’epoca c’erano in tanti, c’erano tutti, ma proprio tutti; c’erano quelli che si mettevano “in primo piano” per portare avanti la battaglia, ma che sono spariti perché dopo sono andati a tirare per la giacchetta il politico di turno (amico di mamma e papà) quando il movimento di Beppe Grillo, dopo il secondo V-Day fallito, si è come chiuso in se stesso per abbracciare soprattutto singole battaglie locali. Grillo dal blog ha sempre “urlato”, mentre i meetup locali cambiavano assetto. Il movimento grillino, quindi, diventava Movimento 5 stelle con le prime liste civiche, ma la gestazione è stata lunga, il “virus” è stato lentamente e silenziosamente inoculato. Per farla breve, prendemmo una cittadina del Veneto e infine Parma e adesso il movimento, che sta andando verso le elezioni 2013, fa paura e, come tutto ciò che diventa seriamente pericoloso, inizia ad essere, altrettanto seriamente, infangato dagli avversari e non. La questione Favia non mi interessa. Favia o non Favia la democrazia, soprattutto quella che si dovrebbe esprime online, deve essere garantita, altrimenti il movimento in sé non avrebbe ragion d’essere.

Pochi giorni fa ho effettuato l’iscrizione ufficiale al movimento 5 stelle attraverso il sito di Beppe Grillo, l’ho fatto solo adesso che è investito pesantemente dalle critiche degli avversari politici e dei giornalisti politicizzati, ma anche dalle critiche e i dubbi insorti all’interno del movimento stesso. Ho deciso di iscrivermi adesso soprattutto perché considero troppo facile cavalcare l’onda del successo (V-Day 2007) quando tutto va bene, quando si hanno, in positivo, i riflettori su di sé e ci si fa anche, in funzione di questo successo, “la fotografia a braccetto con l’esponente politico di turno” o, addirittura, si tenta una carriera giornalistica dopo essersi attivati per il secondo V-Day, oltre ad aver bazzicato una scuola di formazione politica (pronti per creare una nuova generazione di politici di mestiere). Tutto ciò è inaccettabile e l’arrivismo è un comportamento che non ho mai sopportato! Ho deciso, quindi, di prender parte al lungo e difficile lavoro di costruzione dei punti del programma del movimento 5 stelle (almeno dove ritengo di avere qualche conoscenza per poter dare un contributo anche minimo). Adesso è il momento giusto per agire, per sostenere un progetto democratico e, in quanto tale, ambizioso. La democrazia diretta e partecipativa è un lavoro lungo e certosino, Grillo e Casaleggio lo sanno bene. Chi, quindi, vuole dare un contributo per eventuali proposte del programma, può farlo attraverso questa area del blog di Grillo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: