La demagogia politica

Durante una mia ricerca online, col desiderio di comprendere  meglio il termine demagogia, mi sono imbattuta in quella che considero forse la spiegazione più profonda di tale termine. Ovviamente l’enunciato migliore proviene da una mente filosofica, esattamente, in un forum di filosofia un utente ha ritenuto necessario esplicitare il significato effettivo di una parola che spesso viene riscontrata come atteggiamento politico; in questi tempi di crisi, poi, ne stiamo vedendo tanta di demagogia e i salvatori della patria spuntano come funghi con i loro programmi. Ma vediamo cos’è veramente la demagogia politica.

La dittatura soft è sinonimo di democrazia demagogica.
Cosa è la demagogia?
E’ sufficiente Wikipedia: Demagogia è un termine di origine greca (composto di demos, “popolo”, e ago, “conduco / trascino”) che indica un comportamento politico incline ad assecondare le aspettative della gente, sulla base della percezione delle loro necessità.

Detto questo,le conseguenze sono ovvie.

Il Mercato,per ovvi interessi,impone determinati oggetti al popolo.
Imponendo certi oggetti impone anche certe necessità,crea necessità e bisogni.
Creando necessità e bisogni impone un’ethos,una visione del mondo.E con essa,impone desideri.
Imporre l apercezione di una mancanza,di un bisogno,imporre un volere,imporre un desiderare è imporre l’esistenza.

A questo punto interviene il Politico che,sempre grazie ai Media,si fa garante del soddisfacimento di questi(fittizi) bisogni/desideri.
Il Politico non dice:vi salverò dalla finzione,ma: vi garantiscola sua continuazione…in questo modo.
La pseudo ideologia dei partiti è solo questo: modo di organizzazione dell’attuale ethos.
Volete continuare a vivere così? Ok,secondo me il modo migliore per farlo è questo.
Ecco il “programma” di partito.

I media sono lo strumento privilegiato per l’illibertà,e lo possono essere proprio perchè si pongono come simboli di libertà.
Mi si dirà che Media vuol dire mezzo,è neutro nel suo significato,e quindi può essere mezzo anche per la libertà.
Ma ormai media non significa più mezzo,media è già inteso come mezzo asservito ad uno scopo,è un mezzo la cui neutralità è già sporcata,violata.
Per questo ora forse è necessario chiamare i media come “midia”,con la sua pronuncia giustamente ignorante,dimentica della sua origine perchè divenuto Altro.
Oltre a ciò occorerebbe dire che la Libertà non è cosa semplice come l’illibertà,essere asserviti richiede uno spirito più semplice,meno chiaro,più morbido,meno rigoroso,meno autentico,meno esigente,propenso al comodo.Essere meno complessi.Semplici.
La massa,il maggior numero di individui appartenenti ad una specie,per natura,avrà sempre caratteristiche mediocri,i migliori sono i meno necessariamente. Per questo il raro è di solito migliore e il migliore il raro.
Avere coscienza critica,spirito fino,animo vigile,capacità analitica,coscienza desta sono tutte caratteristiche complesse,semplicemente non convenienti alla linearità dell’esistenza,spezzano eccessivamente lo scorrere inerziale dell’esistenza.
La massa è tale,cioè maggior numero,perchè tende a non esporsi ad un’esistenza rischiosa,non “osa” sfidare ciò che gli è dato immediatamente,non indaga,non oltrepassa ciò che vede e per questo può proliferare tranquilla. Dunque,chi appartiene al “per lo più” tende a stare nello scorrere inerziale dell’esistenza.
Ma questa è una caratteristica “biologica” ancor prima che esistenziale,appartiene ad ogni specie.

Il Popolo non sarà MAI,per costituzione,portato alla libertà,ma SEMPRE asservito. Per questo la democrazia,SARA’ SEMPRE DEMAGOGIA.
Non esiste un popolo che non sia ingannabile,una massa che non crede a… Non esiste il potere del popolo e anche se non esistesse la democrazia rappresentativa,ma il popolo si potesse sedere paritariamente tutto insieme ad un tavolo non sarebbe mai libero,sarebbe schiavo della sua costitutiva illibertà.
La massa non sarebbe libera nelle sue decisoni perché schiava della propria naturale mediocrità. Sarebbe il demagogo di se stesso.
La mediocrità è il conveniente non il vero.La massa non sceglie mai il vero,mai la libertà.
Bisogna smetterla di santificare il popolo. Esso è vittima,in primis,di se stesso.
La libertà è dei pochi.
Il popolo della dittatura rifiuta la violenza,non l’aver la testa china.
Guardare i propri passi toglie molte paure.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: