Eluana Englaro deve vivere (anche se purtroppo la faranno morire)

In questi due giorni dall’ultimo articolo scritto, non ho potuto fare a meno di riflettere ulteriormente del caso Eluana Englaro. Ho sostenuto, infatti, che il vero cristiano non ha un attaccamento alla vita terrena, questo lo confermo ancora, ma riguardo al delicato scarto fra la morte causata e la morte personalmente decisa da sè (caso Welbi), credo di aver fatto un errore. Lo scarto è fondamentale, ma soprattutto è delicatamente importante, per la questione, comprendere se sia giusto che siamo noi a dover decidere e disporre della vita di un altro: io credo di no, per tante ragioni. Chi, a favore della morte di Eluana, considera il testamento biologico, come il padre, credo che tale testamento non faccia testo. Ora, la ragione di ciò è nel fatto che noi quando siamo ancora nelle nostre piene facoltà non solo decisionali, ma anche sensorio-motorie, è normale che l’idea dell’immobilità, della non vitalità, ci è assolutamente impensabile: ci fa orrore. Ma lo stato vegetativo è comunque uno stato vitale, se non si considera questo vuol dire che non si ritiene vivente anche la vita di una pianta qualsiasi. La vegetatività non è un buon motivo per considerare, chi è in quello stato, non vivente, ma altre ragioni, più tecnico-scientifiche, mi fanno sostenere la non giustezza della morte provocata ad Eluana Englaro. Chi ci fa crede che in quello stato la coscienza sia  inesistente? Dal punto di vista di alcune teorie all’avanguardia con le neuroscienze, Eluana starebbe come in un continuo stato di sonno, come se fosse addormentata. Quando noi dormiamo possiamo continuare a percepire sensazioni esterne, come il dolore provocato da una nostra posizione scorretta, anche di tipo uditive: questo è ciò che la scienza attuale e l’esperienza ci dicono. Lo stato di assenza locomotoria del corpo non implica necessariamente, quindi, l’assenza delle percezioni. Eluana, lo ripetiamo, è come se stesse dormendo. L’elettroencefalogramma le riconosce attività vitale, il corpo di Eluana potrebbe addirittura permetterle di diventare madre. Almodovar trasse una parte di un suo film su questa possibilità. Voglio chiarire che quello che ho scritto nel post precedente, lo confermo:

Se mi si dovesse controbattere sul fatto che è Dio a disporre della vita e della morte, per contro sosterrei, come Hume, che anche la morte causata è parte della possibilità consapevole di Dio che registra un evento.

Se Eluana Englaro dovessero lasciarla morire (come sta già accadendo), non verrebbe perso nulla di lei, ma noi, da questa parte, non abbiamo quel diritto di decidere del suo stato da un punto di vista, come il nostro, che è quello puramente di vivente in attività, completamente diverso dal suo, perchè il nostro pone la coscienza in una condizione altra dove l’assetto di sistema-organizzazione è di un altro tipo. Qui si consuma l’errore, in primis, dell’opinione pubblica, condizionata da una disinformazione dovuta dall’incompetenza tecnica dei giornalisti, ma soprattutto, tramite l’errore più grande commesso dal padre di Eluana, si mette parola in una questione bioeticamente delicata. Il padre di Eluana non avrebbe mai dovuto dare alla magistratura il compito di procedere e decidere per qualcosa di cui non ha competenza tecnica. In mano alla magistratura il caso infatti è diventato di dominio politico e poi, molto probabilmente, è diventato la scusa del governo per cambiare la costituzione a proprio piacimento. Ma adesso non è questo il discorso in questione. Il padre di Eluana, semplicemente e comprensibilemnte, stanco emotivamente della condizione della figlia in quello stato, vissuto dal suo (nostro) punto di vista diverso, non regge più il peso dell’idea di quella condizione. Scrivo idea perchè è lei ad essere in quella condizione e non lui, i soggetti sono chiaramente distinti. Ci chiediamo se sia giusto che la naturale e vitale incapacità (nel senso buono e umano del termine) del padre di Eluana, che non regge più l’idea della figlia che è da anni in quello stato, possa permettere sia a lui, sia ad altri soggetti chiamati in causa, di toglierle i bisogni primari alla figlia per la sopravvivenza? Praticamente Eluana morirebbe di fame e di sete, ma non potrà mai lamentarsi per questo.

Una riflessione di un mio caro amico mi ha ricordato che, anche se noi cristiani crediamo e concepiamo la vita della coscienza, superiore a quella corporea, comunque, per un cristiano, la coscienza passa attraverso la materialità, qualsiasi tipo di materialità sia. Noi, condannando Eluana a morire di stenti, ci considereremmo presuntiosi di sapere che l’unica materilità possibile sia quella dello stato di veglia di un corpo, contraddicendo così la scienza stessa che riconosce lo stato di sonno (con ciò che ne consegue), ma anche tutti i tipi di moralità che la ragione vorrebbe sostenere in modo autoreferenziale. Non credendo nella sopravvivenza della coscienza al corpo, tanto più si vuole condannare una persona a scomparire con la scusa di un’ipotetica sofferenza della persona in questione.

In sostanza, questo caso non avrebbe mai dovuto assumere dominio pubblico e tantomeno politico, è un caso di bioetica: l’errore è stato fatto alla radice, umanamente, dal padre.

Annunci

5 Risposte

  1. ma tu, se fossi destinata a passare tutto il resto della tua ‘vita’ addormentata senza possibilità che il principe del caso ti svegli, te ne importerebbe più di continuare a dormire? o non sarebbe la stessa cosa per te, morire? e non obbligare più lo stato a spendere soldi per farti continuare a dormire, e i tuoi cari a soffrire e a venirti a trovare tutti i giorni, guardandoti dormire come se già fossi morta?

    Mi piace

  2. Secondo me ci stiamo allontanando dai punti fondamentali della questione.
    La cassazione ha stabilito (giustamente o no) che su Eluana si stava operando un accanimento terapeutico. Per questo motivo, ha autorizzato i medici a “uccidere” Eluana. Questo fatto è avvenuto in totale rispetto della volonta di Eluana stessa.
    In conclusione, non vedo il problema….mi sembra che i fatti si siano svolti con una logica impeccabile. Inoltre il padre di Eluana era costretto a ricorrere alla magistratura per staccare i sondini, altrimenti avrebbero potuto accusarlo di omicidio volontario.

    Mi piace

  3. Az myriam hai fatto un’osservazione cinica e, sotto un altro aspetto, stai anche confermando quello che già ritengo. Da come tu stessa hai scritto, il problema di quello stato, di quella condizione non è della persona in questione, ma di chi è vicino a questa; è naturale che chi è vicino vive in condizione di sofferenza, ma è anche naturale, ripeto naturale NON colpevolozzabile, l’implicito volere di liberazione da questo stato. Se mi parli di sgravare lo Stato da questi impegni economici: bhe! questo è un po’ brutale, lo stato si deve prima sgravare di molte spese che la politica costa ai cittadini, non sono i malati che devono essere privati.

    Come al solito, Antonio, non si comprende la questione da principio. Non avrebbe dovuta essere messa in questione la magistratura: la legge che competenza ha davanti a un caso clinico-medico-scientifico-bioetico? La questione sarebbe dovuta rimanere solo medica, scientifica e bioetica senza ricorrere alla magistratura. Rivolgendosi alla magistratura, di conseguanza, il caso è stato gettato nel calderone dell’opinione pubblica che è incompetente; poi, oltre ad essere stato occasione di opportunismo per la destra berlusconiana (per fare i suoi porci comodi), è stato fonte di sciacallaggio inopportuno dell’area laica che ha esultato alla morte della ragazza. Ci voleva il silenzio rispettoso, ma su facebook impazzano gli inni di morte liberatoria :-/ Mi vien quasi da ridere perchè chi è ateo allora crede che Eluana sia scomparsa. Il pensiero materialista è ridicolmente brutale.

    Davanti alla sofferenza c’è bisogno di discrezione e serietà.

    Mi piace

  4. Mah, guarda….io penso che nessuno più dei familiari di una persona possa volerle bene. Sicchè, nel momento in cui il padre di Eluana mi dice quali erano i desideri di sua figlia, io “tendo a crederci”; e non credo che la sua decisione(del padre) sia dipesa dagli oneri materiali che era costretto ad onorare.
    Chi siamo noi per giudicare?…….

    Mi piace

  5. Antonio, qui non sto facendo un atto d’accusa al padre, anzi, trovo comprensibilissima la sua visione al punto da ritenerla naturale. Ora, il padre non aveva incarico del mantenimento della figlia, cosa ancora più comprensibile il fatto che volesse, come altri sostengono, “liberarla”. Il testamento biologico è qualcosa di discutibile non perchè non si crede nel padre o in quello che disse Eluana al padre, ma perchè effettivamente, o scientificamente, si può provare la presunta sofferenza o la semi-morte della persona? Ho già scritto nel post la ragione dei miei dubbi sulla giustezza della morte di Eluana. Lo stato di coscienza-consapevolezza di chi è in coma è ben diverso da quello nostro di veglia. Le mie perplessità sono di questo genere e non di altro tipo.
    Non accuso il padre, non mi permetterei, ma quando sostengo che non doveva affidarsi ai giudici è perchè si doveva evitare quello che si è fatto: usare Eluana per scopi altri, da quelli “dittatoriali” (Berlusconi), a quelli ideologici (i laici a cui mi sento vicina), a quelli di audience (la tv). Dovevamo aspettare il dramma di Eluana per svegliarci dalla consapevolezza della presenza di dittatori e di un’esigenza di leggi adeguate?
    Lo sciacallaggio mediatico avrebbe dovuto essere evitato e il caso avrebbe dovuto essere fatto rimanere solo nell’ambito-clinico-medico-scientifico-bioetico. Tutto qui, usare la sofferenza per i prori scopi politici e/o ideologici non è una gran bella cosa.
    Come ho scritto su facebook: voglio uno stato laico, ma “non disumano”.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: