Il post baratto: l’uomo del riuso e il piacere di reinventare

pc190010

 

Con questa bici del 1930 il signor Giuseppe Bove vive e lavora. In una piacevole conversazione mi ha parlato un po’ di sè. Vive con quello che riesce a ricavare dalla riparazione degli elettrodomestici, si definisce la vera concorrenza all’AMIU, per lui non si butta nulla perchè tutto può essere davvero riciclato. La sua esposizione di oggetti al mercatino è davvero qualcosa di incredibile, aveva persino una moca senza quella parte che serve per l’uscita del caffè, all’interno di questa ci ha messo la sorpresina: un uovo sodo. Il signor Giuseppe, se non ho capito male, vive in una specie di mansarda con quel poco di pensione minima che riceve, arrotondata, come ho già scritto, da quel che riesce a ricavare dalle riparazioni. Secondo la sua visione di vita da ogni oggetto si può ricavare qualcosa da riutilizzare, addirittura aveva residui di argento, oro e rame che derivano da alcune parti di elettrodomestici su cui lavora. Da questi ricavati fa spesso decorazioni, insomma il suo è un reinventare le cose dando loro nuova vita.

Il sgnor Giuseppe è un uomo distinto e ben educato, disponibile alla conversazione e interessante. Anche per questo vi invito a venire al mercatino del baratto ogni ultima domenica del mese al parco 2 giugno presso la ludoteca; forse una chiacchiera in più con persone straordinarie come lui vi può rendere piacevole un momento della mattinata.

Non so come spiegare il senso compiaciuto che provo da ieri. Il poster dell’uomo di Leonardo l’ho barattato per un mio porta lettere in legno che mi fu regalato da un mio ex. Fino a pochi giorni fa, questo porta lettere, era costantemente oggetto d’arredo della mia scrivania, ma ultimamente ho deciso di fare “un po’ di pulizia”. Un pezzo della mia storia personale l’ho ceduto ad un amico che non mi ha dato solo il poster, ma gentilmente anche uno zainetto adatto per  la spiaggia (pensate ha ancora quel profumo tipico della sabbia). Il mio amico “viaggiatore” ha la fissazione come me degli zaini, veri oggetti di culto, questi racchiudono la storia di un’idea, di un progetto, di una speranza e soprattutto di una voglia di andare. Senza desiderio e passioni non si spicca mai il volo! E, incredibilmente, al baratta pensieri di un’altra amica ho pescato questa frase:

Le passioni sono i soli oratori che persuadono sempre: il più semplice degli uomini che nutra una passione è più convincente del più eloquente che ne sia privo.

La Rochefouculd

Annunci

Una Risposta

  1. Il denaro non è l’idea, ma compera i padroni dell’idea.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: