Omofobia. Homo fobicus al cinema e in DVD

 

 Anteprima nazionale di
“HOMO FOBICUS. L’INVOLUZIONE UMANA ALL’ALBA DEL TERZO MILLENNIO”
sabato 4 ottobre, ore 20.45
Auditorium di Piazza della Libertà – Bergamo

Dal 4 ottobre Homo Fobicus sarà disponibile anche in un DVD contenente il film e tutte le interviste integrali. L’acquisto è possibile nelle sedi delle proiezioni o, in alternativa, richiedendone una copia a Francesco … skekko1@libero.it al prezzo di 10 euro (+ spese di spedizione). Tutti i ricavati saranno destinti a finanziare le iniziative di Arcilesbica xx Bergamo.

Oggi 4 ottobre 2008 è un giorno speciale per il movimento per i diritti civili degli omosessuali, bisessuali, transessuali e per tutti coloro che incarnano quella differenza sessuale che la natura crea. Esce in anteprima a Bergamo il film-documentario Homo fobicus che presenta la dilagante omofobia non solo, a quanto pare, nei gesti platealmente violenti, ma soprattutto nel linguaggio e nel pensiero. Frasi come: “omosessuali malati di mente” o addirittura, ricordo, in un’intervista fatta da Pasolini, una giovane coppia dichiarava che sarebbe stato meglio per loro avere un figlio tossico che omosessuale, sono, queste, un calcio in faccia sentirle ancora oggi. Insomma, la violenza prima che nei gesti, anzi, prima che arrivi ai gesti, si prepara col pensiero e col linguaggio quotidiano; quando il dire diventa il fare, anche nei casi di intolleranza, nasce la violenza gratuita e, ogni volta che c’è violenza gratuita, ogni giorno c’è la morte di Dio. Per l’occasione ho deciso di riportare due poesie, una di Saffo, la nota poetessa omosessuale abitante dell’isola di Lesbo che ha dato anche il nome al termine e al genere lesbica, l’altra di Anacreonte che ho trovato in una mia vecchia copia di un libro del ’68 sui lirici greci, entrambe, quindi, prese da questa raccolta: Lo specchio. I poeti del nostro tempo. A cura di Manara Valgimigli, Arnoldo Mondadori Editore, p. 19 e p. 150.

 

La tua veste mi fa tremare…

Vieni, ti prego, Gòngila, nel tuo mantello di latte;

ancora a te dattorno volano e Poto e Pèito, tanto sei bella.

Questa stessa tua veste solo a guradarla mi fa tremare; di gioia rabbrividisco.

 

Saffo

 

Fanciullo dall’occhio di vergine

Fanciullo dall’occhio di vergine, io ti cerco ma tu non mi badi;

sei tu che del mio cuore reggi le briglie, e non sai.

 

Anacreonte

Annunci

3 Risposte

  1. l’informazione che si dovrebbe diffondere dovrebbe essere incentrata su due questioni fondamentali:
    – l’omosessualità non è una scelta
    – l’esistenza dell’omosessualità non arreca danni ad alcun altro essere umano

    il punto 1 è fondamentale per sfatare le ipotesi di ‘perversione’; mentre il 2 per sfatare gli accostamenti (stupidissimi) alla pedofilia o altro.

    e ci sono degli studi che hanno dimostrato la veridicità del punto 1, per esempio nel libro ‘Brainsex’ di Anne Moir e David Jessel.

    ovviamente l’informazione è tutt’altro che diffusa.. :p

    Mi piace

  2. Grazie miriam, decisamente illuminante il tuo post, bisognerebbe farlo girare

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: