La montagna, memoria e incanto: vera metafora della vita

 

Da brava blogger, in attesa della mia notturna partenza elfica, ho deciso di commentare queste ultime ore “nel mondo civilizzato”. Lo zaino è quasi pieno, più di 10 kg. di peso sulle spalle e tra i fianchi, spero ben distribuito, cercandomi di ricordare il più possibile quelle piccole nozioni di base di escursionismo. Le ore in treno ci sembreranno lughe e noiose anche se credo che cercheremo di dormicchiare un po’. Faremo scalo a Bologna e poi dritti per la Toscana in provincia di Pistoia.

Non so se essere emozionata per l’esperienza nuova che sto per affrontare o, anche e soprattutto per il fatto di ritornare, dopo un po’ di tempo, in montagna. L’ultima volta che ci sono stata credo circa due anni fa, io e un altro amico del Friuli salimmo per mezza giornata una bella montagna che, vi assicuro, offriva uno spettacolo stupendo dall’alto. Le geometrie della campagna e dei laghi, insomma lo spettacolo stupendo che la natura sa offrire. In quella occasione risuonavano, ricordo, le parole di Mauro Corona che nel suo CD parlava della montagna, dei suoi segreti , del suo fascino, dei suoi pericoli. Il ricordo è dolce perchè descriveva una natura animata e materna, una natura che, se solo si vuole, può conciliare con le esigenze dell’uomo.

Uno dei ricordi più importanti di Corona è proprio il rimprovero che fa nei confronti dei turisti, o degli “avventori” della montagna, che spesso sono irrispettosi nei confronti di essa, ma quel che più mi ha colpita è l’idea che quando si sale la montagna non importa arrivare in cima, ma bisogna godersela guardandosi intorno. Spesso, coloro che si cimentano in questa esperienza badano solo a raggiungere subito l’obbiettivo della vetta, non badando minimamenmte la bellezza che li circonda, compreso gli animali che casualmente possono passare nei dintorni e che possiamo avvistare. (Il mio amico Attilio mi ha detto che molto probabilmente vedremo cervi, forse lupi e cinghiali, sperando che questi ultimi non siano femmine con cuccioli, altrimenti rischiamo qualcosa :-0 ). Non è nella vetta il fine, ma è nel durante, il fascino, la bellezza e la fatica della montagna; l’aria e i profumi che essa offre mi dicono che è lei la vera metafora della vita perchè dona le salite, ma anche le discese, le fatiche e i disagi, ma anche le gioie dei panorami e l’incanto del canto degli uccelli, i colori e il profumo della terra, di giorno il sole cocente, di sera il fresco se non il freddo pungente. So di ristrovare un po’ di tutto questo quando sarò li, ovviamente con le dovute differenze… e poi, e poi gli elfi, qualcosa di nuovo, di diverso, un’altra società, tutta umana, nel centro dell’Italia, quasi un piccolo centro caldo del mondo dove pulsa il cuore di una vallata.

Annunci

2 Risposte

  1. Ciò che scrivi mi piace molto e considero la natura parte integrante di me stesso. Come una volta mi disse prorpio l’autrice di questi splendidi post, la natura è bella vederla con gli occhi di un bambino cioè con la meraviglia di vedere anche solo una piccola foglia caduta nel bel mezzo del sentiero in cui stiamo camminando. La montagna non è arrivare al più presto possibile in cima. Anche perchè come dice Mauro Corona arrivati lassù non resta altro che ridiscendere. Quindi perchè affrettarsi ad arrivare in cima quando si può, durante il cammino, scorgere la bellezza della natura che ci circonda.
    Ricordo perfettamente il giorno in cui sono stato in tua compagnia nella montagna da te descritta (jouf) e ricordo per l’appunto il tuo modo di scorgere le cose con gli occhi di una bambina.La montagna come ogni altra forma della natura va rispettata e come un amica quando si va a farle visita le si porta dei doni. Rispetto educazione e vi assicuro che lei in cambio vi darà tranquillità e stupore.

    Sono l’amico friulano di cui parla cellulaindipendente.

    Mi piace

  2. Ciao Omar, ricordo bene anch’io i giorni passati, la salita di quel ferragosto e altri bei momenti. Spero che, come dice una canzone dei Tiromancino, possano ritornare, anche se diversi, i giorni migliori…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: